L’Expo di Latina, l’ex Rossi Sud, è una vera e propria cattedrale nel deserto. Recentemente si sono svolte solo due iniziative, una legata al wellness, l’altra alle nozze. La struttura – di proprietà dell’amministrazione provinciale – non ha mai funzionato a pieno regime in tanti anni, dopo una spesa davvero ingente. Soldi buttati letteralmente al vento. Una grande occasione perduta – l’ennesima – per Latina e il suo circondario, in una posizione geografica ideale al centro dell’Italia, con due aeroporti a pochi chilometri e il vantaggio (enorme) della vicinanza con Roma. Un Expo mai decollato che vivacchia tra l’indifferenza generale, eppure potrebbe essere un volano importante per lo sviluppo economico della zona.

Perché le aziende partecipano alle fiere di settore? Recentemente ho partecipato alla Fiera ornitologia di Reggio Emilia, nell’arco di trenta chilometri non si trovava una camera di albergo libera. In quel momento ho pensato alla struttura di Latina, alle sue potenzialità, alla poca vocazione fieristica del territorio pontino. Il primo motivo che spinge le aziende di tutto il mondo a partecipare alle fiere – sia da espositori che da visitatori – è sfruttare la possibilità di incontrare persone interessate al proprio business, di conoscere partner con i quali ampliare il proprio bacino di affari. Speriamo bene.

Paolo Iannuccelli

Annunci