Sermoneta è uno degli 11 Comuni del Lazio ad ottenere un finanziamento regionale per la ristrutturazione di un immobile confiscato alla criminalità, del quale l’Amministrazione comunale ha chiesto e ottenuto l’assegnazione da parte dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata.

Si tratta di un finanziamento pubblico da 55 mila euro, quota parte di una spesa di 70 mila euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche e per la ristrutturazione dello stabile, costruito alla fine degli anni Sessanta.
Il Comune di Sermoneta utilizzerà l’immobile per attività sociali, nell’ambito di un progetto destinato alle donne.
Si tratta di due corpi di un unico edificio: il primo è ampio 77 metriquadri, il secondo destinato a deposito di 38 metriquadri.

I lavori consisteranno nella realizzazione delle infrastrutture per rendere l’immobile accessibile ai disabili, realizzare un nuovo impianto elettrico, idrico sanitario, un sistema d’allarme e di videosorveglianza, rifiniture, realizzazione di servizi igienici e rendere accessibili gli spazi di relazione ed i percorsi.
“Un progetto nel quale l’Amministrazione comunale crede molto – spiega il Sindaco Claudio Damiano – e che ci consentirà di attivare percorsi sociali”.

Annunci