Sono circa 22.000 i cittadini della provincia di Latina residenti all’estero che hanno conservato la cittadinanza italiana.

La comunità di pontini più numerosa è negli Stati Uniti, seguita da Germania, Canada, Francia, Australia, Inghilterra, Argentina, Svizzera, Belgio, Venezuela e Brasile. La ricerca evidenzia come, nel periodo compreso tra la fine dell’800 e i primi anni del secolo scorso, dai comuni della futura provincia di Latina, si sia verificato un esodo. Sono emigrate verso l’estero dLatiecine di migliaia di persone. In soli sei anni, dal 1902 al 1907, emigrarono 21.600 persone, su una popolazione complessiva di 129.000 abitanti, non tutti emigrarono all’estero e una parte fece ritorno in Patria, ma la diaspora proseguì negli anni successivi fino all’apice, toccato nel 1913.

Vi sono paesi che, in quello stesso periodo, hanno perso il 30% della propria popolazione.

A Campodimele, Formia, Norma, Santi Cosma e Damiano, Minturno, Sperlonga, Ponza, Ventotene, uno su tre prese la nave o il treno. Dai comuni della provincia di Latina sono partite catene migratorie dirette verso località in Europa, America, Australia. Si crearono così le “le little Spigno Saturnia” a Pittsburgh negli Usa e a Villa Adelina in Argentina, la piccola Ponza nel Bronx a New York e a Bahia Blanca in Argentina. Le piccole Campodimele e Pisterzo a Toronto; la comunità dei gaetani a Somerville, sulle coste del Massachussets; i coloni veneto – friulani – pontini nuovamente emigrati, dopo le distruzioni della seconda guerra mondiale, popolarono altre comunità rurali a Turen e Araure in Venezuela e a Pedrinhas Paulista in Brasile. Antiche comunità, eredi dei famosi marinai gaetani e ponzesi, sono sparse nel mondo. Ci sono cittadine, nelle contee a nord di Londra, dove si sono concentrati i numerosi emigrati dalla provincia di Latina nel Regno Unito. Con il passare degli anni i quartieri etnici si vanno disgregando. Ponzesi, formiani, minturnesi e fondani non abitano più negli stessi quartieri di New York. Gli spignesi di Pittsburgh non vivono più a East Liberty, che è stato il loro rione per decenni. Ma i loro discendenti, sparsi nella grande Pittsburgh, sono più numerosi degli attuali abitanti del piccolo comune del sud pontino. Stesso discorso per gli emigrati da Campodimele in Canada.

Paolo Iannuccelli

Annunci