Uno splendido articolo – come sempre – di Marco Gramellini sulla prima pagina del Corriere della Sera – nella rubrica Il Caffè – ha evidenziato le doti e la popolarità del ministro all’Interno Marco Minniti.

Non ha più il tempo di trascorrere le vacanze a Ponza, preso da incessanti impegni lavorativi. Minniti ha conosciuto il paradiso di Ponza nell’agosto del 2000, un bel periodo di salubre vacanza marina, soggiornando in modo spartano nella base dell’Aeronautica Militare a monte Pagliaro. Probabilmente la località di Ponza gli fu consigliata dal suo amico Massimo D’Alema, frequentatore dell’isola da tempo.

Era stato nominato Sottosegretario di Stato alla Difesa nel secondo governo Amato. Minniti non amava la vita mondana, era riservato al punto giusto, aveva stretto amicizia con il sindaco Antonio Balzano e con Domenico Musco, un profondo conoscitore dell’isola e soprattutto delle sue acque, essendo un sub molto esperto. Grazie a questo personaggio amante del mare Minniti ha conosciuto – girando in barca – tutti i posti incantevoli di Ponza e Palmarola.

Marco Minniti

Il nuovo ministro degli Interni ha preso il posto di Angelino Alfano nel governo guidato da Paolo Gentiloni, un uomo esperto in servizi segreti che gli italiani apprezzano particolarmente.
Minniti, sposato con la musicista calabrese Sera Mariangela, era molto premuroso con le giovani figlie Serena e Bianca. Una famiglia molto unita, lontana da quel mondo di vip che frequenta Ponza riempendo le pagine dei giornali. Qualche puntata in ristorantini tipici gestito da pescatori, immancabile acquisto dei giornali presso l’edicola di Ricciolino.
Fuori dalla politica, gli hobby di Minniti sono il collezionismo a partire dagli orologi dell’Aeronautica, passione coltivata grazie al padre, generale della stessa Aeronautica e il basket. E’ stato il presidente della famosa Viola Reggio Calabria, si interessò per fare arrivare in prestito giocatori al Basket Ponza, allora in serie B.

Paolo Iannuccelli

Annunci