Nella terra di Cicerone e Caio Mario, una gita da non perdere in un posto ricco di storia, con tante cose da visitare. In testa l’Acropoli di Civitavecchia, con l’unico arco a sesto acuto al mondo, la torre medievale, chiese, mura ciclopiche, una vista mozzafiato sui monti Ernici, un borgo dove il tempo sembra essersi fermato.

Dal 18 al 20 agosto si svolge il tradizionale ”Gonfalone” di Arpino, una manifestazione folkloristica tra i quartieri (Arco, Civita Falconara, Ponte) e le contrade (Collecarino, Vallone, Vignepiane) di questa splendida città, a tutela e valorizzazione delle tradizioni che affondano le radici negli usi e costumi di una terra ricca rigogliosa. La manifestazione consiste nella presentazione e benedizione del Drappo, realizzato da un artista di fama internazionale e nella sfilata dei pittoreschi costumi ciociari dei quartieri e delle contrade. Si continua con le feste e sagre di quartieri e contrade dentro e fuori le mura della città. Per l’occasione vengono degustati piatti tipici ciociari, preparati secondo le antiche ricette tradizionali dalle massaie che prestano la loro arte culinaria con specialità locali ghiotte e saporite.
L’evento prosegue con gli attesissimi tre giorni del Palio, le sfide sono molto sentite e osservate da un pubblico numeroso di turisti e con un tifo da stadio per i supporter locali. In queste giornate, nel weekend dopo ferragosto, il centro storico è animato da momenti folkloristici con canti popolari, saltarello ciociaro e angoli caratteristici, in cui sono rievocati antichi mestieri, tipicità e tradizioni ciociare. Gran finale con le sei gare valide per l’assegnazione dell’ambito Drappo.
Ad Arpino è stata assegnata la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano per la qualità del turismo.

Paolo Iannuccelli

Annunci